Percorso Artistico a Sant’Oreste

DSCN2130Nel borgo si distinguono alcuni palazzi nobiliari del 1600, tra cui quello appartenuto ai Caccia-Canali, al cui interno ritroviamo sale affrescate probabilmente dalla scuola del Vignola. Accanto al palazzo sorse il monastero di Santa Croce, dalla Croce conservata nel palazzo proveniente dall’Oriente  con scene del Nuovo e Vecchio Testamento, con le monache agostiniane di San Nicola.

A fianco all’antico monastero la cinta muraria è intervallata da tre porte. Dalle porte si può raggiungere Santa Maria Hospitalis costruita prima del Mille: all’interno pareti e abside sono affrescati e vi sono due paliotti d’altare dell’epoca carolingia. Resti di un ciborio risalente alla stessa epoca sono sulla facciata. Più in basso è la chiesa di Sant‘Egisto e il cimitero costruito nell’800.  Nel centro storico troviamo palazzotti come quello degli Azzimati, Palazzo Rosati, Palazzo Leoni e Palazzo Lupi.

Palazzo Caccia

Il palazzo Caccia venne costruito nel 1500 dalla famiglia omonima accanto al palazzo abbaziale. Il progetto del Palazzo fu affidato a Jacopo Barozzi detto Il Vignola. Aveva terminato il Palazzo Farnese a Caprarola, abbandonato dallo Zuccari in corso d’opera per una diatriba con il committente e per questo Il Vignola ebbe grande influenza nei paesi vicini.

Il palazzo ingloba una larga parte delle mura castellane. Al di sopra del masso roccioso su cui poggia e delle mura si innalza un palazzo dall’aspetto austero con ampie finestre con semplici modanature o sovrastate da lunette o timpani.

Le forme nobili sono scandite da lesene con capitelli ornati  dalla corona gentilizia dei Caccia e dal Giglio Farnese per ricordarne gli stretti legami soprattutto con il Cardinal Alessandro Farnese. Tre sale del piano nobile sono affrescate, ma non vi è una documentazione o una relazione di indagine.

Lo stemma sulla cappa del camino  è sormontato da un cappello cardinalizio del cardinal Ludovico Ludovisi abate delle Tre Fontane che nel 1621 possedeva l’abbazia di San Silvestro. Nelle altre sale sono rappresentati episodi mitologici, paesaggi marini o montani, scene notturne. Marte e Venere sorpresi da  Vulcano e Diana con le ninfe. Poi i cinque sensi e la lussuria.

Le ridipinture subite dagli affreschi hanno alterato la qualità ma resta chiaro che furono opera di diversi autori con diversi compiti. Rappresentano scene di caccia con animali esotici e figure umane con festoni vegetali ai piedi. Il ciclo di Sant’Oreste è di grande interesse e riferibile ad una equipe di artisti di origine fiamminga o di tale influenza. Il ciclo di affreschi continua anche nelle strombature delle finestre con piccoli paesaggi e motivi ornamentali.

Il palazzo già sede comunale ospita il museo naturalistico del Monte Soratte.

La Parrocchiale di San Lorenzo

La chiesa di San Lorenzo fu edificata nel 1558 ed andava a sostituire la più piccolina in stile romanico di cui resta ben conservato il campanile. Rozzi massi squadrati coperti da pesanti intonaci da cui emergono le bifore in duplice ordine con colonnine in travertino con capitelli fogliati. Anche il disegno iniziale della chiesa è attribuito al Vignola, perchè è menzionata da lui stesso in una missiva del 1568. Nel 1576 il disegno della facciata viene affidato ad un gesuita. La campana è stata concessa dal Cardinale Doria ed era collocata originariamente nella chiesa di San Silvestro.

Consacrata nel 1600 si presenta con navata centrale con navatelle con cappelle. L’altare principale dedicato a San Lorenzo contiene una pala d’altare dipinta da Sebastiano Ceccherini e rappresenta il martirio del santo.

Chiesa di San Biagio

La chiesa di San Biagio fu parrocchia ma in seguito a notevole degrado nel 1595 fu demolita e ricostruita alla maniera di San Lorenzo da Mastro Giovan Angelo e aiuti. Questa fu edificata a tre navate, con pilastri ed archi in stile vignolesco. Dopo cento anni venne ancora ricostruita con navata centrale e cappelle laterali. E’ stata sempre una chiesa tumulante. L’altare maggiore è dedicato a San Biagio Vescovo e martire titolare della chiesa.

La Chiesa di San Nicola

Dedicata a San Nicola di Bari ed inserita in ambiente monastico rappresenta il luogo di culto più antico del paese poichè in questa area si è sviluppato il primo nucleo abitativo. Dal 1300 ospitava il monastero di clausura femminile. Nell’unico altare ornato di colonne si ammira l’immagine di Maria dipinta su  tavola di D’Arpino. Molte aree adiacenti facenti parte del primitivo impianto sono oggi abitazioni private.

Chiesa di Santa Maria in Hospitalis

Fuori della cinta muraria del paese presso Porta Costa si erge la chiesa di Santa Maria in Hospitalis, che è citata nel Chronicon di San Benedetto  del Soratte e viene fatta risalire la fondazione dal Monsignor Mariano de Carolis nel 1300.

La facciata a capanna ospita una nicchia sopra il portale rappresentava Maria Santissima. La chiesa a navata unica con piccola abside fu consacrata nel 1510.

Un tempo alla chiesa era annesso un ospedale attivo fino al XVIII secolo per le cure dei pellegrini e dei malati. Vi erano orti e cisterne e un uliveto.

Nell’abside una ricostruzione pittorica ipotetica immagina la scena dell’incoronazione della Vergine  su sfondo azzurro chiaro e nubi, mentre accanto è seduto Cristo a mani giunte tra angeli adoranti e decorazioni a grottesche.

la Chiesa di Sant’Edisto

Sulla pendice orientale del Monte sulla via che conduce a Civitella  sorge l’antica chiesa dedicata a Sant’Edisto Martire  protettore dal quale il paese prese il nome. Sembra risalire al VII secolo. Attualmente con facciata a capanna e campanile, ha un impianto a navata unica.

Chiesa di Santa Croce

Costruita nel 1595 insieme al monastero dal cardinale Pietro Aldobrandini vicino a Palazzo Caccia. Il monastero doveva ospitare le monache agostiniane che vi dimorarono fino al 1904. La struttura architettonica con la sua austera composizione rimanda allo stile del Vignola.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...