Il Vulcano di Sacrofano – Distretto Sabatino

 

Vulcan5

L’mmagine è estratta dal libro “il vulcano di Sacrofano” di Donatella de Rita, edito con il patrocinio del parco di Veio.

 

 

Le eruzioni del vulcano di Sacrofano sono avvenute nell’area che comprende l’odierno lago di Bracciano e i Monti Sabatini. Iniziarono intorno a 600.000 anni fa e si protrassero con probabili lunghe pause, fino a circa 40.000 anni fa.

Del Vulcano di Sacrofano e della sua primissima attività sappiamo poco perché i prodotti relativamente recenti hanno sepolto completamente le prime emissioni.

Possiamo immaginare che furono emesse lave, poiché queste si trovano nei prodotti dell’attività successiva. Il primo prodotto che conosciamo in affioramento è un deposito che viene chiamato “tufo giallo di via Tiberina”: Grandi cave hanno fornito tufelli e blocchetti per la costruzione  edilizia. Molti edifici romani sono stati costruiti con questo materiale. L’eruzione della colata piroplastica del “tufo giallo”  colmò la valle dell’Antico Tevere costringendolo a cambiare il corso. Il Tevere prima di questa eruzione scorreva molto più ad occidente, ad ovest del Soratte, quasi a ridosso del paese di Sacrofano, ma i detriti riempendo il letto fluviale ne riuscirono a spostare il percorso.

Dopo l’eruzione del tufo giallo il vulcano ebbe un lungo periodo di attività stromboliana durante la quale  il suo edificio conico raggiunse un altezza di m.500 -600. La fase durò circa 150.000 anni ma il vulcano non fu sempre attivo. Anche se non è possibile sapere quando tempo durarono le pause e le varie fasi eruttive, i prodotti geologi ci raccontano di eruzioni  da cui originarono anche i “tufi varicolori di Sacrofano e di La Storta”.

Durante questa fase iniziarono anche altre attività vulcaniche nel distretto sabatino.

Si formarono inoltre, lungo i fianchi, i coni di scorie ancora oggi riconoscibili  (Monte Musino, Molte Solforoso, Monte Ficoreto, Monte Cardeto, Monte Gatto, Monte Boschetto, Monte Aguzzo.)

Dopo l’eruzione del “tufo giallo della via Tiberina”, il vulcano di Sacrofano ebbe una nuova eruzione che depositò grandi spessori di materiali. La fine di questa lunga fase eruttiva si verificò intorno ai 336.000 anni fa. La cima dell’edificio del vulcano non esisteva più, distrutta dalle violente esplosioni e sprofondata per lo svuotamento della camera magmatica. Si era così formata la caldera di Sacrofano.

panorama-dallaltopiano-presso-il-lago-di-Martignano-con-il-lago-di-Bracciano-sullo-sfondo

Photo: Luigi Plos – http://www.luigiplos.it – Luoghi segreti a due passi da Roma

Veduta della caldera con lo sfondo del Lago di Martignano.

Il crollo dell’edificio determinò la fine dell’attività del vulcano di Sacrofano.

Gli ultimi segni della sua esausta energia sono infatti poche colate di lava e piccole esplosioni stromboliane. Un esempio di questa fase conclusiva è ben visibile a Monte Maggiore.
I prodotti vulcanici più antichi dell’area, sono colate di lava, datate intorno a 600.000 anni fa, che si trovano sotto i prodotti di eruzioni esplosive avvenute da un vulcano, detto di Morlupo-Castelnuovo di Porto, che doveva trovarsi nell’area, a Est dell’attuale lago di Bracciano. A ridosso alcuni vulcani isolati, come Monte Razzano e Monte S. Angelo iniziarono le eruzioni del centro di Baccano, i cui prodotti si riversarono prevalentemente verso la depressione di Sacrofano. Agli antichi romani erano note le proprietà di questa palude solforosa, che arrivavano dalle viscere della terra e attraverso le quali i romani curavano le loro ferite, e ancora oggi la Caldara mostra la sua attività con piccoli geyser e polle di acqua che ribollono.

Quando il vulcano terminò per sempre la sua attività, il paesaggio lentamente si trasformò, creando un ambiente unico e perfetto per gli stanziamenti umani. Le ceneri, fuoriuscite delle terribili esplosioni avevano colmato le valli e formato pianure fertili ricche di minerali, ideali per l’insediamento dei primi abitanti di Sacrofano e per la coltivazione necessaria al sostentamento umano. Inoltre abbondava la pietra per le costruzioni.

I corsi d’acqua avevano eroso il tufo creando ampi pianori con pareti scoscese delineando così ottime aree naturalmente difese e adatte agli insediamenti. Era terminata la furia geologica e stava iniziando la storia umana di Sacrofano…

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...